In arrivo dalla Russia un nuovo vaccino a forma di chewing-gum

Un nuovo farmaco proveniente dalla Russia potrebbe rivelarsi una novità assoluta nella lotta contro il Covid 19.

A sperimentarlo ci sarebbe lo stesso team di ricerca militare sovietico coinvolto nella produzione del vaccino Sputnik.

La notizia è stata riportata attraverso il sito RBC ma si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo per la particolarità che questo preparato avrebbe.

Si tratterebbe, infatti, di un prototipo di vaccino sottoforma di chewing-gum che basterà masticare per ottenere l’immunità dal virus.

Se questo prototipo mucosale dovesse rivelarsi efficace, il sito che ha divulgato la notizia fa sapere che fonti anonime del Ministero della salute russo non perderanno tempo ad inserirlo immediatamente nei protocolli di profilassi di tutta la nazione.

Tuttavia, grande sarebbe il riserbo nei confronti di queste notizie trapelate tanto è vero che lo stesso colonnello Sergei Borisevich, presidente del 48° Istituto Centrale di Ricerca, pur confermando tutto non ha voluto fornire ulteriori dettagli in merito.

La speranza del mondo intero, come ben noto, alimenta ogni giorno le speranze affinché si possa trovare l’efficacia di un vaccino risolutivo definitivamente contro il Covid-19.

Anche adesso, a fronte di questa nuova speranza, viene tuttavia confermata la non affidabilità dei prototipi sovietici. È stato così già per il vaccino Sputnik che non ha ricevuto l’approvazione da parte dell‘Ema in
Europa e neanche dall’Aifa in Italia.

Non ultimo, per gli Stati Uniti, il centro di produzione, addirittura, sarebbe stato inserito in una lista nera di enti con i quali è impossibile fare affari: il centro di ricerca, infatti, sarebbe accusato di effettuare ricerca direttamente sugli umani non rispettando l’etica prevista dai protocolli.

Foto dal web
Marianna Di Donna

Commenti

commenti