Con lui se ne va un pezzo della storia della musica da film

Oggi il mondo si è svegliato con la notizia di una terribile perdita, la morte del maestro Ennio Morricone.
È morto all’età di 91 anni in una clinica romana dopo una caduta.
La fama di Morricne è esplosa grazie al sodalizio artistico con Sergio Leone, padre dei film Spaghetti Western, ed è proseguita con grandi collaborazioni: da Bertolucci a Carpenter. Morricone ha ricevuto due premi Oscar, uno nel 2007 e uno nel 2016.
Il grande compositore, durante la sua carriera, ha tentato di sensibilizzare l’ex Ministro dell’Istruzione Luigi Berlinguer dicendogli “che per fare una vera riforma sarebbero serviti dieci anni, e che si sarebbe dovuto lavorare essenzialmente su due cose: un vero programma e degli insegnanti, preparati attraverso corsi di formazione, a svolgere quel programma”.
Poi chiese di copiare il metodo tedesco: “In Germania ogni famiglia suona Bach con il flauto dolce e il pianoforte o addirittura il clavicembalo, cantando e leggendo gli spartiti. Quella è la vera nazione musicale, non l’Italia“.
I suoi funerali si terranno  in forma privata: “nel rispetto del sentimento di umiltà che ha sempre ispirato  gli atti della sua esistenza”.

 

Teresa Barbato

Commenti

commenti