‘Botta e risposta’ tra la consigliera regionale Maria Muscarà e i vertici dell’Asl Napoli 2 Nord: “Stop a notizie allarmanti”

L’Asl Napoli 2 Nord respinge con fermezza le affermazioni della consigliera Maria Muscarà in merito alla presunta inefficienza del servizio di TAC nell’ospedale San Giuliano di Giugliano che risultano essere prive di alcun fondamento. L’Azienda sanitaria locale precisa che: “la TAC del “San Giuliano” è perfettamente funzionante e non è fuori uso da prima di Natale; l’erogazione del servizio di TAC è regolare e non vi è alcuna necessità di dirottare i pazienti su altri presidi ospedalieri.
Si stigmatizza la diffusione di notizie allarmanti – chiude la nota dell’Azienda sanitaria –  che non solo creano ingiustificato panico tra i cittadini, ma danneggiano l’immagine dell’Asl, impegnata quotidianamente a garantire il diritto alla salute.

Nei giorni scorsi, la consigliera regionale Maria Muscarà aveva denunciato la mancanza del servizio Tac nell’ospedale Giuglianese, nevralgico per buona parte dell’area nord di Napoli.

Continua la privazione della sanità per i cittadini campani, dopo l’assenza della Pet a Caserta e il numero spropositato di intramoenia rispetto all’erogazione dei servizi pubblici in Regione, ecco un’altra grave notizia: la Tac del Pronto Soccorso dell’Ospedale San Giuliano di Giugliano è fuori uso da prima di Natale e i pazienti vengono dirottati sul Pronto Soccorso del Presidio Ospedaliero San G. Moscati di Aversa” – ha affermato la consigliera regionale – Ho presentato un’interrogazione in quanto così come i Casertani non hanno una Pet, cosa gravissima, i giuglianesi non hanno una Tac e vanno in un’altra provincia di Caserta. Questa non è civiltà, altro che ‘miracoli’ – sottolinea – Ricordo che il partito del governatore De Luca che tanto si lamenta della mancanza dei fondi, ha governato il Paese fino a due anni fa. Quindi ho interrogato il Consiglio circa le motivazioni per cui il macchinario Tac non è in funzione da più di un mese, e quali azioni si intendono intraprendere per questo disservizio. Ma soprattutto quali sono le tempistiche per il corretto ripristino del suddetto macchinario”

Commenti

commenti