Soluzione temporanea fino a Natale  per gli studenti “migranti” dell’Istituto Marconi di Giugliano

L’incombente ed inevitabile necessità di effettuare lavori di ristrutturazione nell’Istituto Marconi di Giugliano aveva messo a repentaglio il destino scolastico di circa 1400 alunni.

A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno scolastico, infatti, nell’indisponibilità della sede centrale dell’istituto di via Basile, si erano profilate diverse soluzioni per affrontare l’emergenza.

Tra queste vi era anche la proposta avanzata da parte del comune di Melito di “accogliere” questi alunni ospitandoli in una struttura messa a disposizione in comodato d’uso.

La cosa, però, aveva suscitato non poche polemiche, tutte dettate dal disagio soprattutto riguardo alle spese di un trasporto necessario per potersi spostare e frequentare le lezioni.

Una soluzione, quella di Melito, tramontata nell’arco di un incontro che si è tenuto ieri mattina all’Ufficio scolastico provinciale, dopo due precedenti incontri non risolutivi tenuti la scorsa settimana alla Città metropolitana.

Secondo le prime indiscrezioni, sembrerebbe che la soluzione si sia trovata organizzando dei turni pomeridiani in almeno quattro altrettante scuole superiori del territorio giuglianese.

Gli istituti superiori ospitanti saranno il Minzoni, il Cartesio, il Galvani e il De Carlo.

Le lezioni quasi certamente inizieranno, come previsto, già il prossimo 12 settembre e dovrebbero andare avanti con questa turnazione almeno fino a Natale quando, probabilmente, a seguito dell’andamento dei lavori di ristrutturazione, ci si renderà conto dei tempi che ci vorranno per riappropriarsi del proprio istituto.

Foto dal web

Marianna Di Donna

 

Commenti

commenti