Ginevra ha soli 7 anni e da 4 anni e mezzo combatte contro un tumore al cervello, più precisamente un astrocitoma pilocitico prechiasmatico. La bambina melitese per 18 mesi ha affrontato al Pausilipon, l’ospedale pediatrico di Napoli, chemioterapie e interventi vari fino a febbraio 2017 quando la malattia sembrava essersi fortemente ridotta.

In seguito ai controlli effettuati all’ospedale Bambino Gesù di Roma, lo scorso maggio le condizioni di Ginevra sono risultate peggiori di quanto ci si aspettasse e la lesione potrebbe portare danni irreversibili.

Per questo motivo la piccola sarà sottoposta ad un intervento chirurgico il 29 ottobre, presso la clinica INI di Hannover, dove un team di neurochirurghi esperti, conosciuti a livello mondiale, cercheranno di estirpare la massa nel suo cervello.

Per l’operazione, per la degenza e le spese di viaggio occorrono 55mila euro, ragion per cui diversi giorni fa la famiglia melitese ha chiesto l’aiuto di tutti affinché la piccola Ginevra possa salvarsi.

Ginevra, continua la solidarietà

Con l’ausilio della scuola e del web, grazie alla Chiesa e alle istituzioni, sono stati raccolti 33.119 euro, ne mancano poco più di 22mila e 8 giorni sono ancora tanti affinché tutto si concluda al meglio.

Melito, in primis, si sta stringendo attorno alla famiglia e per il giorno 26 l’Associazione Santo Stefano, in collaborazione con alcuni vip tra cui Giusy Attanasio, ha deciso di organizzare uno spettacolo di beneficenza al Cinema Teatro Barone di Melito, che oggi, primo giorno della vendita dei ticket, ha venduto 200 biglietti in un’ora e 3 quarti.

Il costo del biglietto è di 5 euro e il ricavato, insieme a quello dell’asta di beneficenza organizzata dai commercianti, verrà donato ai genitori di Ginevra.

Il giorno 9 novembre, invece, Pizzaioli Uniti doneranno un euro per ogni pizza.

Ginevra, continua la solidarietà

Per ulteriori donazioni è possibile recarsi presso la Cornetteria Kebaberia Christian e il CAF Gina a Melito; I Gemelli Parrucchieri Uomo Daniele Pirella presso il Corso Garibaldi a Napoli; l’azienda Covisan ad Arzano, dove sono stati esposti dei salvadanai con l’autorizzazione dei genitori della piccola.

È inoltre possibile aiutare Ginevra attraverso una donazione su:
Iban: IT98D0760105138230290630300
Postepay: 5333171050841804
Intestataria: Pirrella Stefania, madre della bambina
CF : PRRSFN82B66F839G
PayPal su mail: [email protected]

Ginevra, continua la solidarietà

Laura Barbato

Commenti

commenti