Ucciso per una foto con Lavezzi, domani Napoli onorerà la memoria del 32enne

Nel quartiere Secondigliano, domani sarà un giorno di memoria e di giustizia. La città si prepara ad onorare la memoria di Gianluca Cimminiello, un giovane tatuatore di soli 32 anni, tragicamente scomparso nel 2010 a causa della violenza cieca della camorra. A scatenare il raid punitivo, lo ricordiamo, fu una foto scattata con il campone del Napoli, Ezequiel Lavezzi.

In un gesto di profonda commozione e rispetto, una delle vie di Secondigliano verrà intitolata a lui: la IV traversa corso Italia, nei pressi di Largo Gaetano Errico, diventerà ufficialmente via Gianluca Cimminiello.

La cerimonia di intitolazione, che avrà luogo domani, sarà un momento carico di significato e di ricordo per la città di Napoli. Saranno presenti autorità locali e i familiari di Gianluca Cimminiello, tra cui la vicesindaca con delega alla Toponomastica Laura Lieto. Sarà un’occasione per rendere omaggio alla memoria di un giovane talento spezzato troppo presto, e per ribadire il rifiuto e la condanna della violenza della camorra che continua a segnare la vita di tante persone e delle comunità napoletane.

Commenti

commenti