Arrivano dal Ministero dell’ambiente ben quattro milioni di finanziamento pubblico diretto ai comuni di Giugliano e Caivano.
Questi soldi, però, hanno uno scopo nobile e ben specifico: dovranno essere utilizzati per contrastare e arginare l’annoso problema dei rifiuti e dei conseguenti roghi tossici.
Il programma di incentivi prevede anche che una parte di questo finanziamento sia destinata alla realizzazione di una nuova rete di videocamere di ultima generazione installate in tutte le aree dove solitamente si trovano gli accumuli e serviranno ovviamente anche per riprendere chi, poi, tende ad appiccare il fuoco.
Si tratta di una somma senza precedenti, tra le più alte degli ultimi anni ed è il risultato di un accordo conclusosi recentemente tra il Ministero dell’ambiente, il prefetto di Napoli, i rappresentanti dei due comuni interessati e da diversi enti che si occupano di smaltimento e contenimento dei roghi.
Compito della prefettura di Napoli sarà quello di vigilare sull’intera operazione proprio per garantire il completamento delle installazioni senza intoppi e soprattutto nel più breve tempo possibile.

Marianna Di Donna

Commenti

commenti