Sugli assorbenti femminili l’IVA è del 22%

 

Si chiama Francesco Segreto ed è il proprietario di una farmacia del Vomero ma, in realtà, è molto più di questo. Attraverso un video su Facebook, ha deciso di dar vita ad una vera e propria rivoluzione, spiegando ai suoi clienti che, a partire dalla giornata odierna, presso il suo esercizio commerciale eliminerà l’IVA al 22% da tutte le confezioni di assorbenti, pagandola di tasca propria.

Una lotta partita da un pensiero molto semplice e cioè che gli uomini possono acquistare i rasoi con l’IVA al 4%, mentre una donna è costretta per anni e anni ad acquistare un prodotto, quale gli assorbenti, con una percentuale di IVA assurda.

Farmacia napoletana toglie l'IVA al 22% sugli assorbenti:"Il ciclo mestruale non è un lusso"

“Assurdo” è un termine che ricorre spesso all’interno del video (CLICCA QUI PER GUARDARLO) in cui ha spiegato che il fattore scatenante è stato il pensiero di essere papà di tre figlie femmine e che il 90% dei suoi collaboratori sono donne.

Anche a Firenze è partita un’iniziativa simile, legata ad un solo brand di assorbenti. Un’iniziativa del genere non può, però, essere legata ad una sola marca perché oggi donna sceglie a seconda della propria conformazione. Ha deciso, quindi, che questa iniziativa dovesse essere legata ad ogni brand perché il ciclo mestruale non è un bene di lusso.

Non si spiega, inoltre, perché le lamette da barba sono dichiarate bene primario, con una percentuale di Iva molto basso, così come il tartufo, mentre non ci si pone il problema per un prodotto di prima necessità utile a tutte le donne fino, almeno, ai 50 anni.

“Io non sono un politico, né voglio fare politica, ma non si può sempre rimandare la discussione su quest’argomento. Io volevo fare la cosa giusta e l’ho fatta. Mi auguro che altri seguano questa linea”, ha dichiarato.“È matematico ci vado a perdere. Sugli assorbenti su guadagna poco, i grossisti però fanno 12-14% di sconto. Ci vado a perdere, ma ci vado a perdere talmente poco per un gesto così enorme… Va bene cosi!”, ha concluso.

 

Commenti

commenti