Solo il 29,48% degli elettori ai seggi: messaggio per la politica nazionale e locale

Astensionismo senza precedenti a Melito nelle elezioni europee dell’8 e 9 giugno del 2024. Nei due giorni in cui gli italiani sono stati chiamati a rinnovare i rappresentanti presso il parlamento europeo, i melitesi hanno preferito astenersi disertando i seggi e scegliendo… di non scegliere. E’ questo il primo verdetto decretato dalla tornata elettorale che si è appena conclusa.

Solo il 29,48% degli aventi diritto ha espresso il suo voto: un segnale che la cittadinanza ha voluto lanciare alla politica nazionale, ma anche ai rappresentanti locali, in un territorio che dopo le vicende politico-giudiziarie degli ultimi anni sembra non trovare ancora interlocutori in grado di innescare dibattito e interesse.

Melito, numeri alla mano, è tra le “cenerentole” della provincia di Napoli. Rispetto al dato medio provinciale Melito è circa 10 punti percentuali sotto ai dati della Città metropolitana, 12% in ‘difetto’ rispetto ai dati regionali. Nella circoscrizione (intorno al 43%) ‘perde’ circa 14 punti percentuali.

Seggi vuoti. Le due giornate elettorali sono ‘volate via’ come in un poco sentito referendum abrogativo. Già dal sabato sera, con poco più del 6% di affluenza si era avuto il sentore che a Melito si sarebbe registrata una vera e propria disfatta per la politica, una sensazione confermata dai dati di domenica sera. Poco interesse, disillusione, mancanza di rappresentanza oppure un ‘segnale’ alle istituzioni: sono tanti i motivi per cui quasi 3 elettori su 4 hanno preferito restare a casa oppure impegnare il fine settimana in tutt’altro modo.

Solo cinque anni fa, nelle consultazioni del 2019, Melito aveva fatto registrare 10.929 votanti su 28.886 elettori: un’affluenza pari al 37,83%. Dati già indicativi, ma ancora lontani dalla debacle di domenica.

Sin dal 1979, quando l’affluenza per le prime elezioni europee arrivò al 79,09%, la ‘curva’ dell’affluenza a Melito ha mostrato un continuo calo (vedi grafico) fino al 37,83% del 2019 e al 29,48% di ieri. Solo in un’occasione la tendenza è stata sovvertita passando da 49,33% del 1994 al 67,94% del 1999, poi si è registrato un costante calo di votanti. Segnali non più trascurabili da una politica distante dal popolo. C’è tanto su cui riflettere.

Affluenza Melito

N. M

Commenti

commenti