Alessandro Maria Montresor ha un anno e mezzo ed è affetto da Linfoistiocitosi Emofagocitica, una rara patologia del sistema immunitario che colpisce soltanto lo 0,002% dei bambini. L’unica speranza di vita per il piccolo di mamma napoletana e papà veneto è quella di un trapianto di midollo.

Dopo diverse ricerche nel registro mondiale dei donatori ed in quello dei cordoni ombelicali non è stato ancora individuato il donatore che salverà la vita ad Ale. È una corsa contro il tempo che, partita dal web, sta viaggiando con ogni mezzo di comunicazione.
Anche Gigi D’Alessio, attraverso facebook, ha invitato tutti a condividere il messaggio dei genitori per salvare Alessandro Maria.

L’appuntamento per tutti i napoletani è per il prossimo sabato, 27 ottobre, dalle 9:00 alle 19:00, in Piazza del Plebiscito, al gazebo dove verranno raccolti campioni di saliva per l’iscrizione nel registro dei donatori.

L’Admo (Associazione Donatori di Midollo Osseo), ha organizzato una raccolta di campioni salivari, per cercare Dna compatibile con la donazione di midollo.  Potranno donare persone dai 18 ai 35 anni, in buona salute, che pesino più di 50 chili.

Alla ricerca di un midollo osseo compatibile

Per ulteriori dettagli e per consultare il calendario degli eventi in programma alla ricerca di un donatore di midollo osseo:

link evento NAPOLI AIUTA ALESSANDRO -> https://www.facebook.com/events/318296258902110/
link pagina facebook creata dagli amici dei genitori di Alessandro

https://www.facebook.com/AlessandroMariaMontresor/

#salviamoAle

Commenti

commenti