L’aggressore è un cliente abituale che è andato in escandescenza

 

 

Vito Simeoli, barbiere del quartiere di Chiaia accoltellato da un cliente giunto in barberia senza prenotazione, sta meglio.

Le sue ferite non erano molto profonde e sono guaribili in 2 settimane.

Secondo quanto si è appreso dalla ricostruzione dell’accaduto, l’aggressore, un giovane di 29 anni, conosceva da tempo Vito.

Sembrerebbe, infatti, che fosse un cliente abituale del suo negozio e non aveva alcun problema precedente con il titolare.

Pare che al momento dell’aggressione non fosse lucido e dopo aver saputo che non avrebbe potuto tagliarsi i capelli, perché non aveva un appuntamento, avrebbe perso la testa, seminando il panico nel salone. L’aggressore è stato fermato e portato in caserma ma il barbiere ha deciso di non sporgere denuncia.

Laura Barbato

 

 

Commenti

commenti