Sì all’acquisto di termoscanner che serviranno per misurare la febbre agli alunni prima di entrare in classe

 

È di poche ore fa la decisione presa dal governatore della Campania De Luca in collaborazione con le ASL territoriali e i team anti Covid in merito alla questione sull’inizio del prossimo anno scolastico.

È lo stesso De Luca a giudicare “assurda e inefficace” la decisione presa dal ministro dell’istruzione Azzolina di fare controllare a casa, per opera dei genitori, la temperatura ai loro figli prima di recarsi a scuola.

Da qui la decisione controcorrente della nostra regione: acquistare tutti i termoscanner possibili per garantire l’operazione per tutti quelli che devono entrare negli istituti.

Una volta verificata la presenza di uno stato febbrile scatterà in automatico la procedura successiva.

Per ora sembra che questa operazione interesserà prima di tutti le scuole secondarie superiori.

Sono giorni, questi, in cui il personale scolastico, su base volontaria, si sta organizzando con i medici di base e le Asl per sottoporsi al test di sieroprevalenza.

Dai dati che emergeranno sarà valutata la situazione anche per gli altri ordini e gradi di scuola nella speranza che il nuovo anno scolastico possa ripartire in sicurezza.

 

Marianna Di Donna

Commenti

commenti