Oggi, 25 marzo, ricorre la giornata dedicata a Dante Alighieri, il sommo poeta padre della lingua italiana, istituita nel 2020 dal Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro della cultura Dario Franceschini.
Il 25 marzo, per gli studiosi di filologia, non è una data causale, ma è il giorno in cui il sommo poeta iniziò il suo viaggio nell’aldilà della Divina Commedia,

Nel mezzo del cammin di nostra vita

mi ritrovai per una selva oscura,

ché la diritta via era smarrita.

Ahi quanto a dir qual era è cosa dura

esta selva selvaggia e aspra e forte

che nel pensier rinova la  paura.

 

Oggi più attuale che mai, visto il periodo di angoscia, smarrimento e paura che stiamo vivendo: siamo in balia di emozioni forti, che vengono a smuovere momenti di grande tristezza, che Dante nel periodo in cui scrive la sua famosissima opera descrive con l’aiuto dei personaggi a lui cari.
Il turbinio di emozioni lo descrive proprio nel canto V di Paolo e Francesca con i versi:

La bufera infernal, che mai non resta,

mena li spirti con la sua rapina;

voltando e percotendo li molesta.

Quando giungon davanti a la ruina 

quivi le strida, il compianto, il lamento;

bestemmian quivi la virtù divina“.

 

cioè:

Il turbine infernale, che non si ferma mai,

trascina gli spiriti con la sua forza;

li tormenta, li rivolta e li colpisce.

Quando [gli spiriti] arrivano di fronte alla rovina,

qui gridano, piangono e si lamentano [di più];

e qui bestemmiano la salvezza [a loro non concessa]“.

 

Il viaggio di Dante, iniziato il venerdì della passione di Cristo, ha però alti e bassi e, così come descrive i grandi momenti bui, racconta anche i momenti di gioia, quando incontra i suoi amici e il suo più grande amore Beatrice.

Così come il periodo che stiamo vivendo adesso in cui non vediamo spiraglio di luce lo stesso era per Dante ma arriverà anche per noi il momento di gloria dantesco e torneremo tutti “a veder le stelle“.

Il 2021, però, è un anno significativo perché l’Illustre è morto il 14 settembre del 1321 a Ravenna.

Per chi volesse rivivere le tappe più importanti della vita di Dante vi proponiamo una mostra interattiva.

 

Teresa Barbato

Commenti

commenti