Decisivo l’intervento della Polizia Penitenziaria

Alcuni giorni fa la Polizia Penitenziaria del carcere di Secondigliano ha scoperto una 44enne che durante un colloquio con un detenuto suo familiare, aveva con sè: droga, telefoni cellulari et similia.

La donna è stata processata per direttissima.

carcere Secondigliano

Commenti

commenti