Stanato un giro di pedopornografia on line grazie alla denuncia di una mamma

La polizia postale di Messina e Catania ha denunciato sei persone con l’accusa di detenzione e  diffusione di immagini pedopornografiche.

Il tutto è partito da una denuncia di una mamma che, entrata in possesso dello smartphone della figlia adolescente, aveva trovato tra i file diverse conversazioni private attraverso chat con altri utenti.

Inoltre c’erano anche scambi di foto e altrettanti video ritraenti minori nudi e in atteggiamenti erotici.

Immediato il sequestro dello smartphone e del computer per risalire, attraverso sofisticati sistemi di recupero dati, a tutte le chat WhatsApp.

Al momento gli indagati sono sei ma considerando che le province interessate dall’inchiesta sono quelle di Messina, Catania, Palermo, Milano, Napoli e Teramo, sicuramente il giro di vite sarà di proporzioni più ampie ed altre saranno le persone coinvolte.

Marianna Di Donna

Commenti

commenti