“Buon” sangue non mente

Pasquale Scuotto, cugino di secondo grado di Emanuele Sibillo, boss della “Paranza dei bambini” ucciso in un agguato di Camorra nel 2015, è stato arrestato (nonostante già si trovasse per reati pregressi, agli arresti domiciliari), dalla Polizia.

Il 37enne, residente nel quartiere Vicaria a Napoli, era già accusato di associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti; ora invece, durante l’ultima perquisizione degli agenti, è spuntata fuori una pistola semiautomatica con matricola abrasa, una Beretta mod. 84 F cal. 9 corto, completa di caricatore contenete 13 cartucce dello stesso calibro, perfettamente funzionante e pronta all’uso; ciò ha portato i poliziotti ad arrestarlo nuovamente.

L’uomo è in attesa di giudizio.
arresto

Commenti

commenti