“Serve una legge seria contro l’omotransfobia”

L’episodio della morte di Paola, fidanzata con Ciro, un transessuale, ha scosso l’opinione pubblica e non solo: il Gay center chiede “giustizia” per i due giovani, vittime dei soprusi del fratello di Paola.

Fabrizio Marrazzo, portavoce di Gay Center e Responsabile Gay Help Line in merito alla vicenda, ha affermato: “Quanto accaduto a Napoli, dimostra quanto siano duri i contesti che da tempo denunciamo con il nostro numero verde Gay Help Line 800 713 713 per questo serve una legge seria contro l’omotransfobia, che prevenga situazioni di questi tipo e che senza dubbi condanni le dichiarazioni che vedono l’omosessualità come una malattia o qualcosa di inferiore”.

Lo stesso, riguardo l’emendamento “Salva Opinioni Omofobe”, approvato dalla maggioranza, si ritiene contrario in quanto: “Renderebbe queste espressioni lecite; espressioni e pregiudizi per i quali Paola è stata uccisa; questo emendamento va cambiato e vanno resi certi i supporti per i centri di protezione, da noi richiesto e previsti dalla legge contro l’omotransfobia, che potevano garantire una protezione e la libertà a Paola ed alla compagna, che ora la commissione bilancio sembra che li voglia ulteriormente limitare; chiediamo giustizia per Paola, perchè colpevole non è solo il fratello, ma anche gli altri familiari che la hanno maltrattata ed hanno consentito quanto accaduto senza proteggerla e senza denunciare”.

Paola Gaglione

Commenti

commenti