La Variante Delta presente in Campania: aumentano i casi, alcuni anche a Melito

È stato pubblicato il report per quanto riguarda la situazione Covid 19 nella nostra regione  da parte del Piano di Sorveglianza della Regione Campania in collaborazione con l’Istituto Zooprofilattico del Mezzogiorno,  l’Ospedale Cotugno,  l’Azienda Ospedaliera dei Colli e dal Tigem di Pozzuoli.

Quello che fa più preoccupare sarebbe l’incidenza della variante Delta che nella nostra regione pare stia aumentando di giorno in giorno.

Infatti, secondo i dati delle attività di sequenziamento previste, la percentuale che adesso si sarebbe registrata sembrerebbe sia pari al 32,5% delle positività proprio della variante Delta.

Non sarebbe, però, l’unica variante presente nel territorio della nostra regione in quanto su 206 campioni di soggetti positivi al Covid 19,  si rileverebbe la presenza di 92 varianti inglesi, 67 varianti indiane, 6 varianti colombiane e 41 brasiliane.

Sembrerebbe che le aree più colpite dalla Variante Delta sarebbero soprattutto concentrate nell’area di Napoli nord. Tantissimi, infatti, sarebbero i casi registrati a Melito, Calvizzano, Mugnano, Quarto, Marano, Villaricca, Giugliano, Volla e Afragola.

Purtroppo, a causa di questa situazione, la nostra regione, secondo i risultati di ieri, è risultata  essere prima in Italia con 208 contagi, seguita poi dalla Sicilia con 104 nuovi casi e dalla Lombardia con appena 100 casi. Il tasso di positività all’interno della nostra regione è pari al 2,47%.

Una situazione, certo, che desta molte preoccupazioni anche tra i medici in apprensione per ciò che potrebbe accadere a settembre al rientro delle vacanze.

Pochi giorni fa, infatti, il Presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli, Bruno Zuccarelli ha dichiarato ai microfoni di Fanpage  “I dati dei sequenziamenti ci dicono che entro settembre la Variante Delta sarà prevalente. Il rischio di una nuova ondata è molto concreto. Bisogna intervenire subito per evitare di piombare in un nuovo incubo”.

Le preoccupazioni del Presidente dell’Ordine dei Medici vengono anche dal clima che si respira in tutta la nostra regione che evidenzia come la decisione del “liberi tutti” possa portarci ad un incremento dei contagi in brevissimo tempo.

Il Presidente Zuccarelli invita, ovviamente, la popolazione non ancora vaccinata ad affrettarsi per sottoporsi al vaccino in quanto benché gli sforzi delle Asl siano stati ripagati dal primato che la Regione Campania detiene in termini di inoculazioni,  purtroppo, siamo ancora ben lontani  dall’immunità di gregge.

A tal proposito, il Presidente Zuccarelli ritiene “criminale” il comportamento dei No Vax che corrisponderebbero ad una consistente fetta di popolazione che ancora non ritiene di doversi sottoporre al vaccino: condizione di leggerezza, questa, che metterebbe in serio pericolo non solo la propria vita, ma anche quella dell’intera comunità.

Foto dal web
Marianna Di Donna

Commenti

commenti