La quarantena obbligatoria, frutto del decreto del Viminale emanato il 9 Marzo 2020, ha cambiato radicalmente le nostre abitudini.

Il lavoro, l’istruzione et similia, sono concentrati nelle quattro mura domestiche.

Coloro che possono, infatti, lavorano in smart working; gli studenti si arrangiano con le lezioni online per proseguire con il programma accademico: la situazione è precaria per tutti.

I laureati o i laureandi, sono un’altra categoria che dovrà fare i conti con il Covid-19: purtroppo non vi sono notizie sulle sedute di Luglio e già in molti hanno dovuto affrontare l’esame e la proclamazione, attraverso uno schermo, collegati via Skype con la commissione.

Si spera che presto si possa ritornare alle consuete sedute di laurea, tanto attese dagli studenti, che aspettano con ansia il fatidico giorno.

Certo, c’è da dire che la proclamazione via Skype è valida e lecita, ma nulla a che vedere con quella tradizionale.

Auguriamo a tutti gli studenti, in ogni caso, di proseguire gli studi con serenità e diligenza.

Nazarena Cortese

Commenti

commenti