Dopo panettoni, struffoli e mostaccioli, torna l’appuntamento che ogni anno, nella ricorrenza di Santo Stefano, permette a tutti gli amanti del running di godersi ancor di più l’aria natalizia di questo periodo.

 

Infondo, non esiste modo migliore per smaltire le calorie in eccesso, condividendo una buona corsa nel clima di festa ed amicizia che la Gara di Santo Stefano riesce a garantir ogni anno con il suo tradizionale appuntamento. Giovanni Mauriello e tutto il CSI Napoli questa mattina, 26 Dicembre, sono riusciti ad attirare oltre 400 atleti nel Comune di Piscinola, superando il record di iscritti dello scorso anno e garantendo anche nomi di un certo calibro sia in campo maschile che femminile. Ma si sa: questi sono eventi che sanno andare ben oltre l’aspetto agonistico, proprio perché finalizzati allo spirito sociale del momento stesso, oltre che alla necessità di riempire dei giusti colori e della giusta armonia realtà cittadine troppo spesso identificate con il solo degrado e la sola criminalità. Esiste anche altro, e quest’oggi chi è sceso in strada a gustarsi la manifestazione se n’è accorto!

Ma veniamo all’aspetto sportivo in quanto tale: in campo maschile, la presenza di un grande Gilio Iannone, atleta della CarMax Camaldolese che ha saputo gestire le sue forze al punto tale da potersi aggiudicare sia il traguardo volante (dedicato a Francesco della Corte) sia la vittoria stessa, chiudendo con un tranquillo – per le sue potenzialità – 34’18”. Alle sue spalle e a soli due secondi dal vincitore un’ottima prova, comunque, del giovane Raffaele Mozzillo (Atletica Marcianise), che nelle ultime gare sta dando prova delle sue capacità. Ad aggiudicarsi il terzo gradino del podio, appena più distaccato, l’atleta dell’Atletica Giugliano Gennaro Ciambriello – che ha saputo tenere duro rimanendo comunque vicino al duo di testa. Chiudono la classifica maschile Vincenzo Migliaccio (Run For Love) ed Enrico Iorio (Atletica Marano).

In campo femminile non c’è storia per quanto riguarda la prima posizione: Janet Hanane (Finanza Sport Campania) scappa via fin dai primi metri e giunge sola al traguardo con un 36’41” di time finale. Alle sue spalle, invece, è lotta aperta tra Martina Amodio (Napoli Running) ed Annamaria Capasso (Amatori Vesuvio), il cui confronto comincia a prendere forma proprio sulla parte più difficile del percorso, in procinto della salita di 1400mt posta al 6°km: sono giusto 30 i metri che separeranno le due atlete fino al traguardo, e che vedono Martina aggiudicarsi il secondo gradino del podio (39’44”), con una grande prova di carattere di Annamaria che ha saputo tenere duro e portare a casa quella che forse resta la sua migliore prestazione in assoluto. A completare la classifica femminile ci sono rispettivamente Filomena Palomba (Napoli Running) ed Ela Stabile (Napoli Run).

Podio anche per le società, che vedono primeggiare, con 41 atleti all’arrivo, l’Amatori Marathon Frattese.

A dirigere tecnicamente l’evento e ad intrattenere con professionalità il pubblico, l’immancabile voce dello speaker e giornalista sportivo Marco Cascone.

Insomma, giornata di festa in tutti i sensi: non sono mancati i sorrisi, la socialità ed i colori…quelli di quattro diverse realtà (Piscinola, Scampia, Marianella e Chiaiano) che hanno saputo accogliere e regalare a tutti i podisti campani una bellissima giornata di Sport.

Martina Amodio

Commenti

commenti