Il segretario di stato Usa, accusa la Cina di aver

creato il virus in un laboratorio a Wuhan

Mike Pompeo,capo della diplomazia Usa ed ex capo della Cia , ha accusato la Cina di essere causa e origine del coronavirus: ciò inevitabilmente ha portato a galla un altro aspetto della pandemia che era stato sottovalutato, ovvero quello della sfida internazionale sul piano economico.

All’inizio della diffusione del virus, quando il Covid-19 aveva iniziato a colpire i primi Stati non asiatici, in particolare Italia e Spagna erano state inondate da fake news che contrapponevano “l’amicizia cinese” ai “tradimenti dell’Unione Europea”.

A mettere un punto a tale situazione era stata poi Parigi che aveva contattato l’ambasciatore di Pechino per fare luce sui disguidi che le fake news stavano creando.

Il rapporto Ue di Josep Borrell sulle: “Interferenze cinesi e russe”, contiene un capo d’accusa a Pechino e l’opinione del Segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, nel domandare agli alleati di:”Proteggere i propri gioielli economici dagli acquisti dei giganti economici cinesi spinti dal calo del valore delle borse”.

Ue e Nato hanno quindi descritto una doppia offensiva cinese verso l’Europa

Nel momento esatto in cui il coronavirus ha iniziato ad espandersi negli Stati Uniti, i vertici alti hanno iniziato a prendere le distanze da tutto ciò, cominciando a diffondere una serie di rivelazioni, riguardo un laboratorio a Wuhan in cui sarebbe nato il virus che avrebbe dato origine alla pandemia.

Washington, inoltre, ha puntato il dito contro l’OMS che avrebbe nascosto e coperto l’attività cinese.

Successivamente gli Usa sono passati all’attacco sul fronte legale, chiedendo a Pechino compensazioni economiche per i danni causati dal coronavirus.

Pompeo, Segretario di Stato Usa, sostiene che la Cina  sia:”Responsabile dell’epidemia,  avrebbe dovuto farci conoscere i dettagli sull’origine del virus”.

Dunque, se Pechino ha cercato di cavalcare l’onda della diffusione del virus per accreditarsi come un partner dell’Europa sul fronte sanitario, Washington risponde che proprio Pechino ha mentito sull’origine del Covid-19.

Si può dunque affermare che sia iniziata una nuova Guerra Fredda Usa-Cina, che dà vita ad una crisi internazionale dalle conseguenze orribili, che ha inevitabilmente portato alla perdita di tante vite umane.

Nazarena Cortese

 

Commenti

commenti