“È avvilente non ricordare quando è iniziata questa storia”

 

Flavio De Cicco, infermiere dell’ospedale Monaldi, ha scritto un post sui social che è diventato virale.

Eccolo: “È avvilente non avere la più pallida idea di quando questa storia potrà finire.

È avvilente non ricordare quasi ormai quando è iniziata. È avvilente il numero dei casi in continuo aumento, l’aggressività di queste varianti.

E’ avvilente l’abbassamento dell’età media interessata, dover dire ad un ragazzo di 26 anni che tutto va bene, ma che dovrà essere intubato, dover dire ad un padre di 2 bimbi di soli 40 anni che sicuramente rivedrà i suoi piccoli con un nodo alla gola, prima di addormentarsi; è avvilente continuare a vedere persone che ci lasciano, il continuo menefreghismo di tanti, è avvilente la stanchezza psicologica con la quale sto, personalmente, come tanti colleghi vivendo questo momento. Sono avvilito“.

Commenti

commenti