“Esclusi dal bonus della Regione”

 

Duecento laboratori che realizzano protesi dentarie, hanno inviato una missiva al Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, esprimendo il loro dissenso riguardo la decisione della Regione di escluderli dal bando per richiedere il bonus di duemila euro a fondo perduto destinato alle microimprese artigiane.

La problematica secondo la Regione, nascerebbe dal fatto che sia odontotecnici che dentisti rientrebbero nella categoria di lavoratori “d’urgenza”, che non avrebbero mai dovuto “chiudere battenti”.

La lettera dei duecento odontotecnici non è bastata però a placare l’ira dei singoli e per porre rimedio a tale ingiustizia ,Giovanni Donatone, ha inviato una mail all’Ente di Palazzo Santa Lucia.

“A meno di 24 ore dall’inizio dell’invio della domanda relativa al bonus previsto per le microimprese non ho ancora visto inserito il codice Ateco 32.50.20 (odontotecnici), a quanto pare perché non inserito nel Dpcm del 11/03/2020. A tal proposito mi preme sottolineare che gli studi dentistici sono rimasti aperti solo per le urgenze (mal di denti) e le protesi dentarie non sono certamente tali,a tal proposito aggiungo che gli studi per i quali io lavoro hanno deciso di chiudere completamente le attività. Risulta,inoltre, paradossale vedere inserita nell’elenco dei professionisti aventi diritto al bonus di 1000,00 euro i medici, categoria alla quale appartiene,ovviamente, il dentista od odontoiatra che sia. Chiedo fermamente a nome di un’intera categoria danneggiata enormemente,come tante altre, che la Regione Campania provveda a porre fine ad un’incredibile ingiustizia”.

Queste le parole dell’odontotecnico.

Attendiamo sviluppi sulla situazione.

 

Nazarena Cortese

 

Commenti

commenti