Costi, luoghi e disponibilità del test che potrebbe fare finalmente la differenza nella lotta contro il Covid-19

Prima di parlare del costo e di dove i test sierologici verranno effettuati, è giusto spiegare cosa effettivamente siano questi test, a cosa servano e come agiscano.

I test sierologici consistono nella ricerca nel sangue di anticorpi specifici al Sars/Cov2.

Un’alta percentuale di IgM significa che l’infezione è recente o in corso; un’alta percentuale di IgG indica che c’è stata infezione: si è quindi immuni anche se, non si sa quanto sia duratura l’immunità acquisita.

Ad ogni modo i test sierologici sono utili per capire se si è stati a contatto con il virus, se si è portatori di carica virale oppure se si è immuni.

In Campania per quanto concerne la possibilità di effettuare i test sierologici per la ricerca degli anticorpi al CoVid-19/Sars2, è sorto un pò di caos.

L’iniziativa dei test era partita dalla Lombardia lo scorso 23 aprile, successivamente dopo un primo momento di esitazione da parte della regione Campania, il via libera era stato dato in diretta televisiva dal Governatore Vincenzo De Luca la scorsa settimana.

Una nota stampa della Federlab, associazione di categoria del comparto della laboratoristica e dei centri poliambulatoriali privati accreditati con il SSN,esprimeva felicità per il nulla osta: “Finalmente la Regione Campania ha riconosciuto il diritto dei lavoratori privati autorizzati ed accreditati di poter effettuare i test sierologici finalizzati alla ricerca degli anticorpi IgM e IgG specifici per la diagnosi dell’infezione da Sars-Cov2″.

Un’inchiesta di NapoliToday ha provato che, nonostante si parlasse della possibilità di effettuare test sierologici a partire dal 4 Maggio, nei vari centri in cui la redazione del giornale aveva provato a prenotarne uno, aveva ricevuto le risposte più disparate e discordanti.

Alfonso Giacco, responsabile di Synlab, il più grande gruppo europeo di diagnostica medica , dichiara: “E’ un servizio che non abbiamo ancora attivato perché aspettiamo l’ok dalla Regione Campania”.

Stessa risposta  è stata data dal centralino di Basile, centro di diagnostica:”“Il mio centro è pronto, prontissimo ad effettuare i sierologici, mi sono dotato del miglior reagente tra quelli validati dal Ministero della Salute per la ricerca degli anticorpi ma, allo stato, il provvedimento ostativo della Regione non è stato revocato se non verbalmente e, soprattutto, non c’è un protocollo che indichi le procedure da seguire in caso di accertamento della positività. Per questo non ho ancora iniziato i test: non mi sento sereno”, conclude il dott. Christian De Masi.

A Napoli, oggi, partono i prelievi nei 3 laboratori del dott. Antonio Novissimo: 50 euro il costo per lo screening IgM-IgG. 90 euro, invece, per due test (il secondo, di controllo, a distanza di 15 giorni).

Il centralino del centro di Novissimo dichiara:”Non è necessaria la prenotazione telefonica, ma è sufficiente recarsi in sede in base all’orario di apertura, entro un’ora al massimo dalla chiusura”.

 

 

 

Nazarena Cortese

Commenti

commenti