Il sindacato parla di misura positiva perché punta ad evitare assembramenti

 

 

Con una nota, come dichiarato da “La Repubblica”, Poste Italiane ha chiarito il calendario dei pagamenti delle pensioni a partire dal mese di aprile:”Con l’obiettivo di contribuire a contrastare la diffusione del Covid 19, Poste Italiane rende noto che le pensioni del mese di aprile verranno accreditate il 26 marzo per i titolari di un Libretto di Risparmio, di un Conto BancoPosta o di una Postepay Evolution. I titolari di carta Postamat, Carta Libretto o di Postepay Evolution potranno prelevare i contanti da oltre 7.000 Atm Postamat, senza bisogno di recarsi allo sportello”, ha spiegato il gruppo.
“Coloro che invece non possono evitare di ritirare la pensione in contanti, nell’Ufficio Postale, dovranno presentarsi agli sportelli rispettando la turnazione alfabetica prevista dal calendario seguente:
i cognomi dalla A alla B giovedì 26 marzo;
dalla C alla D venerdì 27 marzo;
dalla E alla K la mattina di sabato 28 marzo;
dalla L alla O lunedì 30 marzo;
dalla P alla R martedì 31 marzo;
dalla S alla Z mercoledì 1 aprile”.

Sono 80mila i pensionati che beneficeranno dell’anticipo del pagamento delle pensioni, vale a dire tutti quelli che riscuotono la pensione direttamente in contanti presso le poste e di quelli che hanno il libretto ma non il postamat”. Il sindacato parla di misura “positiva perché punta ad evitare assembramenti, in particolare di persone che più di altre corrono gravi e pesanti rischi se contagiati dal virus” ma chiede la messa in onda di spot televisivi.

Laura Barbato

Commenti

commenti