Micillo (M5S): “In questo modo cerchiamo di rimuovere ogni ostacolo alla accessibilità scolastica”

Il Ministro Lucia Azzolina ha firmato, nella giornata d’ieri, il Decreto con il quale vengono assegnati i fondi per il potenziamento della didattica a distanza.

L’arresto delle attività didattiche per evitare il contagio ha costretto gli studenti restare in casa. La necessità tuttavia di continuare l’attività didattica era una priorità.

Le scuole con il sostegno del Governo hanno previsto modalità di lezione innovative. Tra queste lo studio e le lezioni a distanza attraverso i personal computer o altri dispositivi ad elevata connettività

Vi è tuttavia chi non ha dimestichezza con la rete o ha difficoltà legate alla connessione insufficiente o, addirittura, difficoltà a poter ottenere apparecchiature informatiche necessarie per l’istruzione a distanza.

Davanti a questi particolari problemi il Governo ha stanziato 85 milioni di euro.

490.834,77 euro sono le risorse da ripartire tra gli istituti scolastici del giuglianese con la seguente suddivisione:

  • € 202.406,34 a Giugliano in Campania suddiviso tra i suoi 17 plessi scolastici (Basile, E. De Filippo, San Rocco, Don Giuseppe Diana, 5° Circolo, Di Giacomo, 8° Circolo, Levi Montalcini, IPSCT Minzoni, Guglielmo Marconi, Gramsci-Impastato, G.B. Basile, Don S.Vitale, De Carlo, Renato Cartesio, L.Galvani): € 23.825,31 per piattaforme e strumenti digitali, € 166.668,35 per dispositivi digitali e connettività di rete, € 11.912,68 formazione del personale scolastico;
  • € 86.842,15 a Sant’Antimo suddiviso tra i suoi 7 plessi scolastici (Giovanni XXIII, G. Leopardi, D. Lorenzo Milani, IC 4 Pestalozzi, IC 1 Romeo, G.Moscati, Laura Bassi):€ 9.609,56 per piattaforme e strumenti digitali, € 72.427,80 per dispositivi digitali e connettività di rete e € 4.804,79 per formazione del personale scolastico;
  • € 55.925,79 a Melito di Napoli suddiviso tra i suoi 5 plessi scolastici (Falcone, De Curtis, Ten. L. Mauriello, Guarano e Immanuel Kant): € 6.133,07 per piattaforme e strumenti digitali, € 46.726,19 per dispositivi digitali e connettività di rete e € 3.066,53 per formazione del personale scolastico;
  • € 48.035, 79 a Villaricca suddiviso tra i suoi 4 plessi scolastici (G. Rodari, I.C. Calvino, Ada Negri e G. Siani): € 5.61438 per piattaforme e strumenti digitali, € 39.614,21 per dispositivi digitali e connettività di rete e € 2.807,20 per formazione del personale scolastico;
  • € 39.968,09 a Qualiano suddiviso tra i suoi 3 plessi scolastici (Rione Principe, Bosco Verdi e Di Giacomo 3 S. Chiara): € 4.665,30 per piattaforme e strumenti digitali, € 33.119,35 per dispositivi digitali e connettività di rete e € 2.327,64 per formazione del personale scolastico;
  • € 32.556,48 a Mugnano di Napoli suddiviso tra i suoi 3 plessi scolastici (Sequino Capuologo, Giancarlo Siani e Illuminato-Cirino): € 3.764,23 per piattaforme e strumenti digitali, € 26.910,13 per dispositivi digitali e connettività di rete e € 1.882,12 per formazione del personale scolastico;
  • € 13.354,59 a Casandrino per l’istituto Marconi-Torricelli: € 1.477,39 per piattaforme e strumenti digitali, € 11.138,51per dispositivi digitali e connettività di rete e € 738,69 per formazione del personale scolastico;
  • € 11.611,34 a Calvizzano per l’istituto Marco Polo: € 1.387,93 per piattaforme e strumenti digitali, € 9.529,44 per dispositivi digitali e connettività di rete e € 693,97 per formazione del personale scolastico.

Per diminuire il gap di apprendimento, il Ministro dell’Istruzione ha predisposto delle misure per distribuire alle singole scuole risorse, il rafforzamento delle piattaforme all’insegnamento a distanza e per fornire gli stessi istituti di strumenti tecnologici.

Le risorse sono complessivamente 85 milioni di euro per l’anno 2020 e sono destinate:

  • 10.000.000,00 di euro per consentire alle istituzioni scolastiche statali di dotarsi immediatamente di piattaforme e-learning e di strumenti digitali utili per l’apprendimento a distanza, o di potenziare quelli già in dotazione, nel rispetto dei criteri di accessibilità per le persone con disabilità;
  • 70.000.000,00 di euro per mettere a disposizione degli studenti meno abbienti, in comodato d’uso gratuito, dispositivi individuali per la fruizione delle piattaforme e degli strumenti digitali, nonché per la necessaria connettività di rete;
  • 5.000.000,00 di euro per formare il personale scolastico sulle metodologie e le tecniche per la didattica a distanza.

«Anche in un periodo di emergenza per il Covid-19, “la scuola è aperta a tutti”». Così il deputato del Movimento 5 Stelle Salvatore Micillo, citando l’articolo 34 della Costituzione.

«Con i fondi al digitale – conclude l’on. Micillo – vogliamo favorire l’accesso al diritto all’istruzione. In questo modo cerchiamo di rimuovere ogni ostacolo alla accessibilità scolastica».

Commenti

commenti