“Nel resto d’Italia tra un mese vedremo altri risultati”

Durante una diretta Facebook, il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, afferma:”Stiamo continuando a controllare in maniera ossessiva la vicenda Covid ma, se Dio vuole, cominciamo a entrare in una situazione di normalità; oggi abbiamo 140 casi, cominciamo a scendere; nel giro di una settimana o 10 giorni arriveremo a regime, cioè l’operazione sicurezza e prevenzione è stata preziosa per garantire il futuro e per garantire la serenità per le nostre famiglie; dalle altre parti d’Italia non hanno fatto questa scelta, vedremo fra un mese i risultati; vedremo fra un mese cosa succede nelle regioni dove non hanno deciso di rendere obbligatorio il controllo di quelli che rientravano dall’estero; per quello che riguarda la Campania, abbiamo deciso di seguire una linea di rigore: individuare oggi il problema per avere serenità domani; è quello che abbiamo fatto e credo con grande successo; ad oggi sono 80mila le persone che hanno fatto il test sierologico. Abbiamo individuato 4 positivi verificati con il tampone molecolare e non con il test sierologico. Obiettivo è arrivare a fare 140mila test.
I giorni in più che abbiamo dato all’apertura delle scuole devono servire a completare i test o i tamponi a tutto il personale; abbiamo ritenuto ridicola la misura del Ministero secondo cui la temperatura corporea degli studenti va misurata a casa.
Ci siamo fatti carico come Regione, abbiamo fatto un bando per dare alle scuole un contributo di 3mila euro per un termoscanner.
Hanno risposto 919 istituti scolastici per 5800 plessi, il 90% ha chiesto il contributo della Regione”.
coronavirus
Per quanto riguarda la riapertura delle scuole, De Luca dichiara:”Abbiamo ritenuto fosse necessario avere qualche giorno in più perché ad oggi non abbiamo alcuna certezza né sui banchi singoli, né sul numero di docenti, né sul numero di supplenti”.

Commenti

commenti