Pensioni a mille euro e contributo fitti

Il Governatore della Campania Vincenzo De Luca, a fronte della crisi economica dilagante causata dalla pandemia di CoVid-19, durante la diretta Facebook di poche ore fa, ha comunicato ai cittadini campani di aver stanziato assieme alla Regione Campania, un fondo di 604 milioni di euro.

Tra le norme basilari adottate dalla Regione si evidenzia: 

1) contributo alle famiglie con disabili; pensioni al minimo portate a 1.000 euro per due mesi;

2) contributo di 2.000 euro alle imprese commerciali, artigiane e industriali;

3) bonus a professionisti e lavoratori autonomi;

4) bonus alle aziende agricole e delle pesca;

5) 30 milioni per l’ambito lavorativo legato al turismo.

Gli altri criteri di mantenimento per le politiche sociali potranno confidare su circa 270 milioni di euro e presumono, 1)azioni a favore di persone bisognose, tra cui una piccola integrazione economica di sostegno; interventi a favore dei servizi socio-assistenziali sul territorio; 2)azioni per il rinvenimento e la distribuzione di alimenti in eccesso; 3)interventi infine per gli immigrati negli insediamenti informali del Basso Sele, di Castel Volturno e comuni limitrofi. 

De Luca ha anche pensato agli studenti potenziando la didattica online.

Per concludere:

  1. potenziamento servizi sociali mediante anticipazione risorse agli ambiti territoriali;
  2. azioni a sostegno delle famiglie con figli al di sotto di 15 anni

Nello specifico, tra le misure più importanti si rende nota quella concernente i pensionati: difatti i titolari di pensioni sociali o/e di assegni sociali che di consueto percepiscono meno di 1000 euro mensili, nei mesi di maggio e di giugno incasseranno dall’Inps e dalla Regione Campania, un contributo tale da garantire i 1.000 euro al mese. 

220 milioni saranno donati per misure di sostegno alle imprese, ai professionisti/lavoratori autonomi e alle aziende agricole e della pesca.

Nazarena Cortese

Commenti

commenti