Riapriranno anche librerie e cartolerie

Finalmente è arrivata l’ordinanza che permette le consegne a domicilio per bar, pasticcerie, ristoranti, pizzerie, pub e gelaterie.

Da lunedì 27 aprile fino al 3 maggio, sarà possibile nuovamente ordinare da casa e attendere il fattorino per la consegna dei cibi cotti.

L’ordinanza 37 emanata dalla Regione Campania, delibera che i bar e le pasticcerie dovranno lavorare  esclusivamente dalle 7 alle 14 e rispondere alle prenotazioni solo entro quegli orari.

Per quanto riguarda gli altri esercizi, questi potranno esercitare dalle 16 alle 22.

L’ordinanza inoltre, predispone anche la riapertura delle librerie che potranno accogliere clienti dalle 8 alle 14.

Resteranno chiuse le attività nel pomeriggio del 25 aprile e per l’intera giornata del 26 aprile, fatta eccezione per farmacie, parafarmacie, edicole e distributori di carburante.

Il mancato rispetto delle misure comporta sanzioni da 400 a 3000 euro.

Ad ogni modo è d’obbligo per esercenti e operatori, di osservare le misure di sicurezza e precauzionali.

De Luca e l’Assessore Galiero parlano

“Si tratta di un primo passo e di un primo segno di rilancio delle attività economiche secondo una linea di responsabilità e di prudenza, che richiede il rispetto rigoroso delle regole da parte di tutti. Il provvedimento è articolato in maniera da diluire la mobilità nel corso della giornata ed evitare assembramenti. Occorrerà utilizzare i prossimi giorni per sanificare i locali“, ha spiegato il Governatore Vincenzo De Luca.

Ecco invece l’opinione dell’assessore al Commercio, ai Mercati e alle Attività produttive del Comune di Napoli Rosaria Galiero: “Un provvedimento che viene incontro alle legittime richieste delle categorie sulle quali la sospensione prolungata delle attività ha inferto danni durissimi. Ci siamo esposti con decisione già nei giorni scorsi a favore della riapertura delle attività legate al cibo di asporto, così come le cartolibrerie,  comprendendo la ragionevolezza delle richieste avanzate dal mondo produttivo della città. Una posizione supportata non dalla banalizzazione del pericolo di contagio, ma dalla convinzione che si può mantenere alto il livello di attenzione ma consentire la ripresa delle attività, attivando tutti i protocolli di sicurezza necessaria; sono certa  che gli imprenditori della nostra città saranno pronti al pieno rispetto di tutte le prescrizioni sanitarie per la tutela della salute dei propri lavoratori e dei clienti. Ci apprestiamo a vivere una fase nuova. Questo è il momento in cui l’ascolto delle istanze di tutti coloro che hanno pagato un prezzo altissimo durante il lockdown deve essere pieno: non può esserci ripresa che tenga in assenza di questo”, conclude l’Assessore.

 

Nazarena Cortese

Commenti

commenti