Dopo la grandissima prestazione e i quattro gol rifilati alla Sampdoria, questa sera il Napoli ospiterà al Diego Armando Maradona, il Cagliari dell’ex Walter Mazzarri.  Gara tutt’atro che semplice, perché nonostante la sconfitta dei sardi nella loro ultima partita conto l’Empoli, Mazzarri già ha dato una fisionomia ben precisa alla sua squadra, basti pensare come abbia messo in grossissima difficoltà la Lazio nella sua prima partita alla guida del Cagliari sfiorando anche la vittoria. Cagliari molto più equilibrato rispetto a quando era guidato da Leonardo Semplici, Mazzarri infatti sta cercando di far capire ai suoi come vuole che giochino: squadra corta in pochi metri, si difende bassi e subito recuperata palla si verticalizza in avanti cercando il contropiede. Quindi per Spalletti e i suoi ragazzi sarà una gara dove ci vorrà molta pazienza, facendo girare palla velocemente e cercando i pochi spazi che lascerà la difesa molto chiusa degli avversari; aldilà di tutto il tecnico azzurro vuole vincere, come ha fatto ben capire in conferenza ieri: “Il candidato alla prima posizione verrà fuori tra 7 squadre, noi vogliamo giocarci le nostre percentuali e siamo pronti a tutto”.

Per quando riguarda i convocati, finalmente mister Spalletti può sorridere perché rientrano Mertens e Demme, mentre per Ghoulam e Lobotka si dovrà attendere ancora un po’ di tempo, ma anche loro a breve saranno del gruppo. Per la formazione che verrà schierata questa sera, in porta ci sarà ancora Ospina con ogni probabilità, Meret ancora non ha del tutto recuperato la condizione fisica dopo l’infortunio contro il Genoa. In difesa a formare la coppia centrale con Koulibaly, ormai colonna portante della squadra, sarà uno tra Rrahmani e Manolas, con il primo in vantaggio sul secondo. A completare il reparto difensivo ci saranno Di Lorenzo a destra e Mario Rui a sinistra.

A centrocampo ci saranno oramai gli inamovibili Anguissa e Fabian Ruiz, con il primo ad interdire e a recuperare palloni, e il secondo a costruire gioco, ad inserirsi e provando anche il tiro da fuori come sta facendo spesso, e contro la Samp trovando anche il gol.

Il quartetto offensivo sarà formato da Zielinski, che farà da raccordo tra centrocampo e attacco, a destra c’è il secondo ballottaggio di giornata tra Lozano e Politano, con l’italiano in vantaggio per partire da titolare sul messicano, che invece entrerà nella ripresa, a sinistra ci sarà capitan Insigne, a centro dell’attacco naturalmente ci sarà Victor Osimhen che finalmente ha timbrato il suo cartellino anche in campionato con la doppietta contro la Sampdoria e ha fatto capire che quest’anno vuole essere protagonista e il bomber della squadra.

Convocati del Napoli: Meret, Ospina, Marfella, Di Lorenzo, Juan Jesus, Malcuit, Manolas, Mario Rui, Rrahmani, Zanoli, Anguissa, Demme, Elmas, Fabian Ruiz, Zielinski, Insigne, Lozano, Mertens, Osimhen, Ounas, Petagna, Politano.

Probabile formazione del Napoli (4-2-3-1): Ospina, Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Mario Rui, Fabian Ruiz, Anguissa, Politano, Zielinski, Insigne, Osimhen. All. Spalletti.

Probabile formazione del Cagliari (4-4-1-1): Cragno, Caceres, Ceppitelli, Godin, Lykogiannis, Nandez, Marin, Strootman, Dalbert, Joao Pedro, Keita. All. Mazzarri.

Ballottaggi per il Napoli: Rrahmani/Manolas 60%/40%, Politano/Lozano 55%/45%.

Arbitro: Piccinini, Var: Massa.

Antonio Ferrigno

Commenti

commenti