A scoprire la magagna è stato il proprietario del sito originale

 

 

Le truffe online sono, ormai, all’ordine del giorno ed è proprio il caso del sito web zorroassicurazioni, fac simile di zorro.it, popolare sito online per stipulare contratti assicurativi.

Il “clone” ha rubato proprio tutto: la grafica, i dati della società che gestisce il sito originale.

In prima pagina, si può trovare il modulo per il preventivo, un contatto Whatsapp per richiedere informazioni e, addirittura, un’offerta del 50% per i nuovi iscritti.

A scoprire la “magagna” è stato il proprietario dell’azienda originale che ha ricevuto molti messaggi e chiamate da diversi utenti insoddisfatti che, dopo aver pagato, non hanno ricevuto la polizza.

L’imprenditore ha, poi, deciso di contattare il truffatore ma ha ricevuto soltanto insulti.

La tecnica è di quelle classiche per i siti di assicurazioni truffa. Il cliente chiede il preventivo, che viene prontamente fornito. In questo caso il premio non è nemmeno troppo distante da quelli proposti da altre assicurazioni, per evitare che la potenziale vittima si insospettisca. Il pagamento viene incassato tramite PostePay e poi, come da copione, il truffatore sparisce.

Per aiutare gli utenti il sito IVASS ha messo a disposizione una sezione del proprio sito internet in cui è possibile consultare il Registro Unico Intermediari, l’elenco delle imprese non autorizzate e quello dei siti contraffatti.

Laura Barbato

Commenti

commenti