Una vasta operazione ha portato all’arresto di 11 soggetti appartenenti ai principali clan della camorra nell’area a nord di Napoli

Una serie di indagini coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli si sta svolgendo in tutta l’area di Napoli nord con il fine di smantellare le operazioni criminali dei principali clan camorristici della zona.

L’operazione ha visto coinvolti i carabinieri di Giugliano e di Caivano che hanno arrestato 11 persone e notificato un divieto di dimora ad altre due.

L’accusa per questi soggetti è che siano  indiziate, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, estorsioni e tentate estorsioni, detenzione e porto di armi, detenzione a fine di spaccio di droga, delitti aggravati dal metodo mafioso.

Le indagini della DDA avrebbero fatto emergere anche la massiccia operatività di un’organizzazione malavitosa, operante principalmente nei comuni di  Frattamaggiore, Frattaminore.

Una fitta rete di gestione dei traffici malavitosi che si estenderebbe anche alle zone limitrofe finendo per provocare anche reazioni armate con altri gruppi criminali locali al fine di imporre la propria presenza egemone.

Tale organizzazione, ben strutturata nell’organico, avrebbe progettato e già messo in opera, una lunga serie di attività illecite. Oltre allo spaccio di stupefacenti in tutta l’area, sembrerebbe che l’attività preferita dal clan fosse quella del racket contro imprenditori e commercianti, dai quali si pretendeva il pagamento di cospicue somme di denaro in cambio di una pseudo protezione per proseguire le attività.

Foto dal web

Marianna Di Donna

 

Commenti

commenti