Verso la zona arancione

 

Alla luce dei dati dell’Istituto Superiore della Sanità, il Governo Conte ha firmato una nuova ordinanza e la Campania diventerà, a partire da domenica 6 dicembre, zona arancione.

Tra le novità principali si potrà tornare ad uscire dalla propria abitazione e a potersi muovere all’interno del Comune, senza dover utilizzare l’autocertificazione, ma resterà il divieto di lasciare il proprio domicilio dalle ore 22 alle ore 5.

Restano vietati gli spostamenti da un Comune all’altro, oltre a quelli tra province e regioni. Potranno riaprire tutti i negozi, ad eccezione di bar e ristoranti che potranno continuare a fare asporto e consegne a domicilio.

I centri commerciali restano chiusi nei giorni festivi e prefestivi.

Gli studenti della seconda e terza media potranno tornare a frequentare le lezioni in presenza.

Altra novità è che il monitoraggio sulla classificazione nell’area sarà ogni 7 giorni e non più ogni 14.

 

Cosa prevede la zona arancione?

  • Vietato circolare dalle ore 22 alle ore 5 del mattino, salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute.
  • Vietati gli spostamenti in entrata e in uscita da una Regione all’altra e da un Comune all’altro, salvo comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità.
  • Raccomandazione di evitare spostamenti non necessari nel corso della giornata all’interno del proprio Comune.
  • Inoltre sono vietati, 24 ore su 24, gli spostamenti verso altri Comuni e verso altre Regioni, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, motivi di studio o di salute o per svolgere attività o usufruire di servizi non disponibili nel proprio Comune (per esempio andare all’ufficio postale o a fare la spesa, se non ci sono tali uffici o punti vendita nel proprio Comune).
  • Sono comunque consentiti gli spostamenti, verso qualsiasi area, che siano strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza, se prevista. È sempre consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
  • Chiusura di bar e ristoranti, 7 giorni su 7.
  • L’asporto è consentito fino alle ore 22.
  • Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni.
  • Chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno.
  • Chiusura di musei e mostre.
  • Didattica a distanza per le scuole superiori, fatta eccezione per gli studenti con disabilità e in caso di uso di laboratori; didattica in presenza per scuole dell’infanzia, scuole elementari e scuole medie.
  • Chiuse le università, salvo alcune attività per le matricole e per i laboratori, salvo ordinanze regionali e locali dei sindaci.
  • Trasporto pubblico ridotto al 50%, ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico.
  • Chiuse attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie.
  • Chiuse piscine, palestre, teatri, cinema.
  • Riaprono i centri sportivi.

Commenti

commenti