“Non si può categorizzare o divedere per patologie, sarebbe paradossale che si facessero differenze tra persone che vivono una comune condizione di sofferenza”

Paolo Colombo, garante dei diritti delle persone con disabilità della Regione Campania, ha accolto con gioia il fatto che la regione Campania abbia dato priorità alle persone con disabilità, per quanto concerne la vaccinazione anti-covid.

A tal proposito ha affermato: “Sono soddisfatto dell’approvazione dell’unanimità del Consiglio regionale della Campania dell’o.d.g. per il riconoscimento della priorità nella vaccinazione in favore delle persone con disabilità e della lettera inviata dal nuovo Ministro della Disabilità Stefani, di analogo contenuto inviata al nuovo Commissario per la pandemia Covid19, il Generale Figliuolo; nell’augurare buon lavoro al nuovo Commissario in un contesto così drammatico, associandosi all’appello formulato dalle associazioni delle persone con disabilità; per l’ennesima volta il neo Commissario, il presidente del Consiglio Draghi, il Ministro della Salute Speranza e il CTS a riconoscere la priorità come era già stato promesso dal precedente Commissario Arcuri. e assicurare la fornitura dei vaccini, a un repentino cambio di passo chiarendo una volta per tutte che, tutte le persone con disabilità, i loro familiari e i caregiver devono essere al più presto vaccinati; non è accettabile che manchi ancora l’indicazione generalizzata per la disabilità, come nel piano vaccinale rimodulato, che deve essere inserita come prioritaria. Non si può categorizzare o divedere per patologie, sarebbe paradossale che si facessero differenze tra persone che vivono una comune condizione di sofferenza”.

cronavirus 2019

 

 

 

 

Commenti

commenti