Le scuole superiori potranno rientrare il prossimo 1 febbraio ma solo al 50%

È arrivata stamattina la sentenza del Tar circa il rientro in presenza degli istituti superiori previsto per il 1 febbraio.
Il sistema, però, sarà quello ormai collaudato di un rientro a scaglioni che prevederà in prima battuta solo il 50% degli alunni in presenza mentre il restante 50% seguirà le lezioni in didattica a distanza integrata.

In sostanza nulla di diverso rispetto a quanto era già stato attuato agli inizi dell’anno scolastico con le classi suddivise a metà, tra giorni in presenza alternatamente a giorni di lezioni a distanza.

Alla luce di questa decisione che adesso conferma il rientro, secondo questa modalità, si è subito riunito a distanza un tavolo della Prefettura di Napoli per organizzare e coordinare tutta la mobilità da gestire con una mole di studenti così elevata per strada.

Coinvolti nella riunione diversi organi competenti tra cui alcuni rappresentanti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, altri soggetti ingaggiati dalla rete metropolitana come supporto, il comune di Napoli e la protezione civile.

In queste settimane si cercherà di monitorare l’intera rete dei trasporti, metro, autobus e linee private ma si cercherà anche di organizzare delle diversificazioni in merito agli orari di ingresso e di uscita per non creare disagi negli spostamenti.

Prevista per il 28 gennaio un nuovo tavolo di coordinamento della Prefettura.

Foto dal web
Marianna Di Donna

Commenti

commenti