175.000 € in banconote false, arresto per due sorelle napoletane

I carabinieri del comando operativo Stella hanno scoperto all’interno di un’abitazione sita in via Poggioreale, un’ingente quantità di banconote false.

L’abitazione pare fosse residenza di due sorelle napoletane, La scoperta a Poggioreale, Giuseppina e Mena Altieri, rispettivamente di 51 e 47 anni.

Le due donne custodivano nella loro abitazione tantissime banconote risultate contraffatte e pronte per essere immesse sul mercato.

La cifra del sequestro è davvero sbalorditiva ed avrebbe immesso sul mercato pecuniario ben 175.000 € falsi apportando non pochi problemi alla circolazione del denaro.

Le banconote, infatti, pare fossero molto ben fatte e difficilmente distinguibili in mezzo a quelle vere.

Le banconote falsificate pare fossero suddivise e conservate secondo tagli diversi che andavano dai 20 € ai 500€.

Entrambe le donne si sarebbero trincerate in un silenzio che non avrebbe fornito alcuna spiegazione circa la detenzione delle banconote stesse.

Le due sorelle, attualmente, sarebbero state trasportate nel carcere circondariale di Pozzuoli e sarebbero accusate di spendita e introduzione nello stato di monete falsificate.

La falsificazione delle banconote non è fatto nuovo negli ultimi mesi tanto è vero che, di recente, si sarebbe molto diffusa anche la contraffazione delle monete che, con l’avvento dell’euro, se immesse sul mercato, fanno subito registrare cifre elevatissime di denaro contraffatto.

Meno di un mese fa, infatti, fu scoperta una vera  e propria zecca clandestina in provincia di Caserta, ovvero a Marcianise.

Qui furono rinvenute tantissime monete da 2 € perfettamente identiche alle originali e, trattandosi di moneta e non di carta, molto difficili da distinguere. All’interno della struttura fu arrestato un 72enne con precedenti reati contro il patrimonio.

Foto dal web

Marianna Di Donna

 

Commenti

commenti