Reati ambientali per smaltimento irregolare di rifiuti, ad Arzano denunce e multe

Ancora una volta un’operazione ad ampio raggio avrebbe riguardato tutto il territorio di Arzano nell’ambito dei controlli nella Terra dei fuochi circa gli smaltimenti illeciti.

L’operazione avrebbe visto coinvolti i militari dell’Esercito dell’ 8° reggimento bersaglieri supportati dai carabinieri della tenenza locale, dai militari della guardia di finanza, dagli agenti della polizia di Stato e dal gruppo della polizia municipale di Arzano.

Una task force, dunque, per garantire controlli verso tutte quelle aziende che sul territorio si occupano di smaltimento dei rifiuti.

I militari, nel corso dell’operazione, avrebbero sequestrato uno stabilimento di produzione della carta e lo avrebbero anche sanzionato con 60mila euro per smaltimento non appropriato di materiali di lavorazione.

Altri due sequestri avrebbero riguardato un’autofficina, con 18mila euro di multa, e un’autocarrozzeria, con 13500 euro di multa.

Per lo stabilimento di produzione della carta e per l’autofficina sarebbe scattata anche una denuncia presso la Procura della Repubblica.

Questo perché sembrerebbe che siano state riscontrate, durante i controlli, anche delle violazioni circa gli obblighi di comunicazione, di tenuta dei registri obbligatori e formulari delle rispettive attività commerciali.

Addirittura sembrerebbe che le attività venissero svolte con autorizzazioni scadute e  talora del tutto assenti.

Durante le operazioni, inoltre, le forze dell’ordine avrebbero altresì  riscontrato anche delle violazioni dei valori “limite di emissione” stabiliti dall’autorizzazione posseduta.

Le indagini, inoltre, non sarebbero ancora state ultimate dal momento che, per alcune aziende, pare si siano resi necessari degli accertamenti  più approfonditi che sarebbero ancora in corso.

Foto dal web

Marianna Di Donna

 

Commenti

commenti