Poziello Miraglia Vincenzo, è questo il nome dell’uomo accusato di aver rapinato, insieme ad alcuni complici, l’Ufficio Postale di Lusciano.

Ad incastrare l’uomo, 54enne di Giugliano che si trova ora agli arresti domiciliari, sono state le telecamere di videosorveglianza da cui è emerso che avrebbe puntato la pistola contro i dipendenti della posta, per farsi consegnare il denaro incassato, e che sarebbe poi fuggito su una Fiat 500 rubata poco prima e abbandonata in seguito alla rapina.

Non si tratta del primo colpo, in quanto già diverso tempo fa aveva scontato una condanna agli arresti domiciliari in seguito ad una rapina in un Ufficio Postale di Ogliara, in provincia di Salerno.

In quell’occasione avrebbe puntato una scacciacani contro la direttrice della posta affinché questa aprisse la cassaforte ma, a causa delle urla della vittima, accorsero i Carabinieri che avrebbero colto in flagranza di reato Poziello Miraglia e un complice.

Anche in quel caso gli furono concessi gli arresti domiciliari.

Laura Barbato

 

Commenti

commenti