Il giudice ha ritenuto che il reato non sussistesse

Il Tribunale di Napoli Nord, in seguito all’arresto del 27enne di Giugliano con l’accusa di maltrattamenti familiari, gli ha ordinato il divieto di avvicinamento.

L’uomo, infatti, dopo l’ennesima aggressione alla compagna, era stato portato in caserma dai Carabinieri della Tenenza di Varcaturo poiché la donna era riuscita ad allertare i vicini che, a loro volta, avevano chiamato le forze dell’ordine.

La vittima ha poi denunciato tutti i soprusi che stava ricevendo dal compagno da circa due anni poiché lui temeva che lei potesse ritornare nel suo paese di origine e abbandonarlo.

I Carabinieri lo hanno arrestato ma il giudice ha ritenuto che il reato non sussistesse quindi, dopo due giorni, è stato scarcerato e gli è stato vietato di avvicinarsi alla compagna e alla figlia.

Laura Barbato

Commenti

commenti