La sua colpa?Non essere una bellezza convenzionale

 

Da sempre noi donne siamo abituate ad essere “vicine” ad un certo canone di bellezza.

Alta, magra, bionda e con occhi azzurri, sono tra le caratteristiche che generalmente vengono additate ad una donna, che definiamo bella.

E’ pur vero che noi ragazze siamo cresciute con la convinzione, che il solo “metro di giudizio” con cui dobbiamo quotidianamente scontrarci, sia l’essere belle o no.

Non ho quasi mai visto o sentito nessuno, utilizzare come termine di paragone l’intelligenza o l’arguzia, no: l’unico canone ad essere preso in considerazione è la bellezza.

Proprio quel canone, tra l’altro, diventa oggetto di competizione e invidia tra noi donne, che spesso finiamo per offenderci l’una con l’altra, proprio come è capitato con Armine.

Chi è Armine?

Armine è una modella di Gucci attaccata via social per la sua bellezza “non convenzionale”.

La casa di moda l’ha scelta per il suo viso un po’ alla Rossy De Palma (una delle donne di Almodovar), e per il fatto che, essendo la fanciulla di origine armena, presenta dei tratti molto particolari.

Tutto ciò è bastato per scatenare l’esercito di haters, i leoni da tastiera, che alla vista di una foto della modella, hanno iniziato ad insultarla per il suo aspetto fisico.

Siamo nel 2020, è ancora possibile che le donne(perchè la maggior parte delle offese provengono proprio dal sesso femminile), insultino altre donne per l’aspetto fisico?

Ai posteri l’ardua sentenza.

Commenti

commenti