La sua “Virgo Fidelis” riceve apprezzamenti dall’Arma.
 

Una poesia dedicata alla Benemerita è l’ultimo successo di Giovanni Cecere, melitese doc e dipendente comunale, poeta molto apprezzato anche oltre i confini del Comune a nord di Napoli.
La poesia dedicata alla protettrice dei Carabinieri e scritta in vernacolo, “Virgo Fidelis”, ha ricevuto plausi da alcune tra le maggiori cariche dell’Arma. L’ode, inviata al Capo di Stato Maggiore, Gen. C.A. Gaetano A.A. Maruccia, al Gen.C.A. Giovanni Nistri del Comando Interregionale Carabinieri “Ogaden” nonché al Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Gen. C.A. Tullio del Sette, è stata molto apprezzata dagli stessi che hanno provveduto di recente a far recapitare i loro complimenti all’autore melitese.
Composta nella primavera di quest’anno, nella notte tra il 25 ed il 26 marzo, la poesia è un inno alla Patrona dell’Arma – la cui ricorrenza viene celebrata ogni anno il 21 novembre – “Luce ‘e ll’uocchie ‘e Gesù”, come scrive Cecere.
 
 

 

 

Virgo Fidelis
 

Quanta fede dint’a’stu Core
puorte Vergine d’o Perdono,
Tu Si’ ‘a Mamma ‘e Nostro Signore,
Tu Si’ ‘e ll’Arma’a Patrona e I’ammore’
‘Nfra tutt’ ‘e femmene ‘e chesta terra,
‘ncantaste ‘o core d’o Pat’Eterno,
d’o vèntre Tuoio facette Purlà,
‘o Figlio Suoio Pe’ l’umanità’
Mamma d’ ‘a Pace, Vergine Santa,
Tu pe’ ‘sti figlie Si’ ‘a forza, ‘ a speranza,
Tu Si’ ‘a fiamma ca l’Arma accumpagna
Mamma d’ ‘e mamme ca nun muore cchiù’
Tu si’ ‘a Luce ‘e ll’uocchie ‘e Gesù’
Virgo Fidelis, Madonna mia,
aiuta l’Arma e ‘o Paese mio’

Melito, lì 26 marzo 2017
Ore 3:25

Commenti

commenti