Questa mattina, dopo lo sciopero dei giorni scorsi, che ha visto l’occupazione dello stabile da parte dei dipendenti, portando all’interruzione del lavoro e creando non pochi disagi agli ospedali per la mancanza di biancheria pulita, lenzuola e kit sterili, gli operai hanno ripreso l’attività.

La notizia è stata diramata dal commissario della ditta, Olga Porta, che avrebbe dichiarato, stando alle notizie riportate dal Mattino che “il lavoro è ripreso in maniera regolare, i lavoratori hanno ripreso a svolgere le loro mansioni . Ci siamo anche assicurati l’appoggio di ditte esterne a cui rivolgerci in caso di emergenza per mancanza di biancheria”.
A sbloccare la protesta sarebbe stata, però, la convocazione di un tavolo di incontro del 29 maggio alla Regione Campania  che prevederebbe la presenza dell’Assessore al lavoro, Sonia Palmieri, dei commissari, i sindacati, i delegati della Hospital Service e la So.Re.Sa.

Come più volte dichiarato, al centro della vertenza ci sarebbe il passaggio dell’appalto dall’American Laundry, colpita da interdittiva antimafia e per questo gestita dai commissari, alla Hospital Service, una situazione che sta preoccupando da diversi mesi i lavoratori che si vedrebbero presto senza lavoro o con una non sicura possibilità di  ricollocazione.

Commenti

commenti