Aggressione da parte dei carabinieri ai danni di un giovane al rione Salicelle ad Afragola: la verità sui fatti

Nella serata di ieri sui social si è diffuso un video nel quale si mostrava l’aggressione ad un ragazzo da parte dei carabinieri all’interno della sua stessa auto.

Il fatto si è svolto al Rione Salicelle ad Afragola.

Intorno all’auto del ragazzo, in men che non si dica, si è avvicinata una folla di persone intente a riprendere con i cellulari il malcapitato e, nel video, si sentono voci diffuse che gridano il fatto che il giovane stia subendo un’aggressione da parte dei militari.

Il video, come comunemente accade, ha registrato in pochissimi minuti centinaia di visualizzazioni.

La verità dei fatti, però, è tutt’altra.

Secondo Fanpage.it che ha interpellato gli agenti presenti sul posto, i fatti sarebbero andati molto diversamente.

In realtà gli agenti riferiscono di essersi recati nel rione Salicelle per la presenza di un’auto risultata rubata.

Nell’attesa dell’arrivo del carro attrezzi, il ragazzo in questione si sarebbe avvicinato agli agenti con atteggiamenti facinorosi, inveendo contro i militari.

All’atto del fermo, il giovane avrebbe reagito dando una testata ad uno dei carabinieri e avrebbe storto un braccio ad un altro agente.

Come da prassi, l’uomo è stato condotto in auto per essere portato in caserma quando, improvvisamente, una folla composta da circa 30 persone si sarebbe avvicinata all’auto nella quale si trovava il giovane che continuava a scalciare e a dimenarsi contro i carabinieri.

Da lì quella che, secondo i militari, sarebbe la messinscena creata ad hoc per simulare il pestaggio da parte dei militari con la chiara volontà di diffondere poi il video sui social a denuncia di un atto di abuso di potere.

Il 118 intervenuto sul luogo non ha evidenziato segni di lesione alcuna sul giovane, mentre ha diagnosticato 15 e 5 giorni di prognosi per ciascuno degli agenti aggrediti.

Foto dal web

Marianna Di Donna

Commenti

commenti