Un successo a firma RunLab questa nona edizione della StraLiterno, che ha saputo dimostrare le proprie potenzialità già al momento delle iscrizioni con il sold out al raggiungimento dei 1300 iscritti.

Nulla di nuovo: parliamo, infatti, di un gruppo sportivo amatoriale capace di riunire più realtà territoriali e di partire dalla sinergia delle stesse per essere presenti a macchia d’olio con più eventi sportivi nel corso dell’anno. Ma… alla base di tutto questo – sottolinea Carmine Ucciero, uno dei tanti riferimenti dell’odierna manifestazione – c’è la passione di semplici amatori che fanno della corsa il proprio motivo di socialità, la propria ragione di incontri, sorrisi, momenti goliardici da condividere insieme a persone piacevoli. Tutto questo è il successo della RunLab; tutto questo è la sintesi della 9^ StraLiterno.

Ma veniamo al momento agonistico…

In campo maschile, la volata solitaria di Ismail Adim (Caivano Runners) non permette di vivere il gusto della vera competizione agonistica, lasciando il vuoto assoluto alle sue spalle e chiudendo la sua gara sotto i 31’. Molto più interessante la lotta alle sue spalle, con un nugolotto di atleti di punta contendersi le altre posizioni del podio per l’intero decorso della gara: saranno infatti gli ultimi due chilometri a fare selezione, con un Francesco Di Puoti (Tifata Runners Caserta) che trova la gamba giusta e si impone su un altrettanto in forma – e non facile da battere – Francesco Tescione (Podistica Aprilia). Per Di Puoti un ottimo 32’25”, anticipando Tescione di appena 8”. Altrettanto meritevoli le due posizioni ai lati del podio, con Mohamed Lamghali a chiudere in 32’36” e Vincenzo Falco in 32’38”.

Gara femminile non molto più esaltante per quanto riguarda la vittoria: una Janat Hanane (Finanza Sport Campania) che, come il  compagno magrebino, vola via fino al traguardo e fa suo il primo gradino del podio con un 36’24”. Alle sue spalle una ritrovata Filomena Palomba (Running Club Napoli), capace di ritrovare la gamba giusta e tornare sotto i 39’. A chiudere il terzetto l’ottima prestazione della ragazza di casa, Giuseppina Lamula (Atletica Teverola), che approfitta del percorso estremamente piatto per portare a casa la soddisfazione di un personal best: 39’42” il suo time. Bella in ogni caso la gara delle due ragazze ai lati del podio, con Ela stabile e Francesca Maniaci tornare sul passo del 4’02”. Mi piace segnalare anche l’ottima prestazione di Maria Eleonora Mennillo (Caivano Runners), capace di far suo un ottimo personal best con 40’36”.

La classifica a squadre vede, invece, la vittoria della Podistica Frattese.

Ennesimo successo, dunque, per questo team che ha saputo, con Umiltà e Rispetto, accogliere tanti appassionati nel proprio territorio e regalare loro una giornata di sport, solidarietà, socialità e soprattutto passione: la loro.

Appuntamento al prossimo anno, con la 10^ StraLiterno.

Martina Amodio

Commenti

commenti